Skip to content

Amici per la pelle. Per davvero

Oggi vi racconto una storia.

Una storia di quelle belle, di quelle che lasciano un sapore dolce in bocca e il cuore di due misure più grande (che neanche il Grinch a Natale).

La storia di Slash.

Nato non si sa quando e non si sa dove, figlio di madre ignota e di padre peggio ancora e finito nella vetrina di un negozio non si sa come e passando non si sa quali sofferenze.

Poi siamo arrivati io e marito.

Eravamo ancora ragazzini, due bei fresconcelli impulsivi ed incoscienti.

Parlavamo una sera del desiderio di avere un cane. E parlavamo di quanto tutti e due fossimo innamorati dei bouledogue francesi.

Il giorno dopo, neanche a farlo apposta, passando distrattamente da una strada abbiamo intravisto lui, triste e mogio in quella vetrina.

Erano in due, quel giorno, in quel box che si affacciava sulla strada: non sappiamo se fossero fratelli, sappiamo solo che uno si tuffava di testa contro la vetrina, giocherellone ed iperattivo. L’altro se ne stava rannicchiato in un angolo con il musetto avvilito ed il corpicino tremolante.

Erano due bouledogue francesi.

Non sto scherzando: abbiamo fatto inversione di marcia, siamo tornati indietro, siamo entrati nel negozio e dopo dieci minuti siamo usciti con in mano tutto l’occorrente per tornare l’indomani a prendere il nostro sgorbio peloso.

Il bastardo era riuscito nell’intento d’intenerirci.

Vi prego di evitarmi le pappardelle circa la mia incoscienza nell’aver acquistato un cane in negozio, alimentando così il traffico illegale di cani dall’est Europa ed avendo così, contemporaneamente, condannato un randagio in canile ad un inesorabile destino.

Davvero, non provateci nemmeno.

Abbiamo affrontato un inizio burrascoso, fatto di cacca ovunque, pipì non ne parliamo nemmeno, piagnucolii notturni e guaiti per ogni sciocchezza.

Poi, pian piano, crescendo, siamo riusciti ad insegnargli i primi rudimenti di educazione, come non cagare in soggiorno o evitare di distruggere i giochi in ventisette secondi netti.

Alla fine ci siamo trovati con un vero ometto: simpatico, educato e gentile.

E capace di renderci succubi.

Slash ci ha letteralmente rimbecilliti.

Avete presente le tipiche frasi “se mai avessi un cane, col cavolo che lo farei salire sul divano!”.

Rimuovetele dalla vostra testa.

È sempre facile parlare e giudicare senza essere direttamente coinvolti. Difficile, poi, è mettere in pratica.

Con l’arrivo di Niccolò devo confessare che ho nutrito dei seri dubbi sulla compatibilità di Slash con l’avvento di un nuovo umano in casa. Ma, come sempre, sono stata smentita in toto.

Ho passato tre giorni orribili, al rientro dall’ospedale, devo ammetterlo: Slash piangeva in continuazione e non mi mollava un attimo, per un insieme di sentimenti che andavano dalla gelosia (comprensibile) alla nostalgia delle mie coccole (altrettanto comprensibile) alla voglia di stare con me dopo quattro giorni di lontananza assoluta (altrettantissimo comprensibile).

Ma Slash è stato capace di dissipare tutte le mie paure e le mie ansie in un attimo, con un solo gesto: Niccolò non aveva neanche dieci giorni, era sul divano e dormiva; io mi ero allontanata per mettermi una felpa. Sono tornata in soggiorno e Slash era sul divano, seduto accanto a Niccolò. Lo annusava e lo osservava con una curiosità strana, qualcosa di molto simile al rispetto (o alla voglia di assaggiarlo, non saprei) e l’impressione che si percepiva dall’esterno era che volesse accudirlo.

91f234_1cbc5090740249efa43b54b97493979f

91f234_9e80968e94ec4fd4b68f56eb21332669

Da quel momento Slash è diventato l’ombra di Niccolò.

Io mi sono sciolta.

E ho capito.

Ho capito tutto, in un istante.

E non vi sto a spiegare che cosa ho capito, perché sarebbe troppo complicato.

Ma vi posso dire quello che so.

Quello che è.

I bambini e i cani vedono il mondo con gli stessi occhi.

E lo affrontano con la stessa purezza d’animo.

Quella stessa purezza d’animo che vedo mancare in molte altre specie terrestri.

Così, ora, conoscete il significato che ha per me la foto di copertina di questo blog.

Perché se ho una certezza, nella mia inutile vita, è che l’indissolubile legame che si crea tra un bambino ed un animale è un legame destinato a durare in eterno.

91f234_7ab5badf2ede4bd682bcbc7db245e934

91f234_06ea5afbf3dd4a54952d104d8401d8ed

91f234_c64b8128325b4fc0875fab3ebe708c28

91f234_eddfd867ea9341f19cfd3112fb4c4f18

91f234_c8543f1021714ccbab610a29c9e4f5f9

91f234_f3731784b17340978c896811dd6fae1a

91f234_023d91451d38438792210d1483330d29

91f234_8dbd2631fa8c498aa6311454ae0b1964

91f234_e698ac67d84c44eb8781d81dd63f7e3b

91f234_39931d7f27f6412fae9e02cb44c326b8

91f234_19f093fa421d46399fa793e7b517ad78

91f234_d2babf4054cc4e2fa0bdbeed7cedf94c

91f234_1d6d65bb0bee480685fa59e62adf6dae

91f234_999a09899e9f4f168513bb88e8724a8c

91f234_875726f4d53645f4af00c56a5a4e5a88

91f234_97c290430b9c4e4199e21869665dd448

Categorie: Diario
Taggato: ,

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: